Il nostro Blog

Spread Your Wings

10 BUONI MOTIVI PER UN SOGGIORNO A SAN GIMIGNANO

Pubblicato il 15/06/2019 in Storia
10 BUONI MOTIVI PER UN SOGGIORNO A SAN GIMIGNANO

10 BUONI MOTIVI PER UN SOGGIORNO A SAN GIMIGNANO - LE TOP 10!

Molti considerano San Gimignano un borgo da visitare in 1 giorno eppure questo gioiello architettonico nasconde in sé innumerevoli ricchezze che meritano più tempo.  Così come le sue dolci colline circostanti, possiedono bellezze artistiche ed ambientali di notevole pregio per cui vale assolutamente la pena soggiornare più giorni per concedersi la possibilità di esplorare con tutta calma questo lato della Toscana.

1. Le Torri di San Gimignano
San Gimignano ebbe il suo massimo splendore nel periodo medioevale da cui ha ereditato l’impianto urbanistico con le sue case torri. Ne possedeva ben 72, una per famiglia benestante. Purtroppo oggi ne rimangono solo 13 che però hanno reso famosa nel mondo questo borgo, oggi patrimonio Unesco. 

2. Piazza della Cisterna
Situata proprio sulla sommità della collina prende il suo nome dal pozzo ottagonale che si trova al centro e fu voluto dal  podestà Guccio dei Malavolti. Da sempre luogo commerciale poiché vi si trovavano le botteghe. A far da cornice alla piazza, palazzi e torri appartenuti a famiglie nobiliari come palazzo Tortoli, palazzo Ardighelli con le sue torri, Palazzo Ridolfi, torre e case Becci e Cugnanesi, torre Pucci, palazzo Pellari e la misteriosa torre del Diavolo il cui nome deriva da una leggenda.

3. Piazza del Duomo
Una piazza importante poiché al suo interno si trovano il Duomo, centro religioso, ed il palazzo del Popolo centro politico. Il palazzo comunale si trova tra la torre Grossa e la Loggia del Comune oggi sede del Museo Civico di San Gimignano. Nella piazza troviamo il vecchio palazzo del Podestà con la sua torre Rognosa e la Torre Chigi.

4. Il Duomo , la Collegiata di Santa Maria Assunta
Costruito in stile romanico nel XII secolo, semplice al suo esterno, possiede invece straordinarie bellezze al suo interno.  Le pareti sono affresca tate da pitture di artisti famosi come Benozzo Gozzoli , Taddeo di Bartolo ed affreschi degli allievi di Simone Martini. Al suo interno troviamo la cappella di Santa Fina affrescata dal Ghirlandaio.

5. Museo Civico
Al suo interno la bellissima sala di Dante con affreschi dedicati al sommo poeta che qui soggiornò nel 1300. Nel museo troviamo cicli di affreschi inerenti il tema dell’amore di Filippuccio, la grande Maestà di Lippo Lemmi.  Ancora troviamo dipinti che dal ‘200 arrivano fino alla fine del ‘400 inizo 500 con Filippino Lippi, Benozzo Gozzoli e Benedetto da Maiano fino alla Pala del Pinturicchio. Uscendo troviamo affresco del Sodoma. Possibilità anche di visitare la Torre Grossa, la più alta della città accedendo dal palazzo comunale da cui si gode un panorama bellissimo.

6. Passeggiata lungo le mura
Una bellissima passeggiata lungo tutto il perimetro della seconda cinta muraria (sec. XIII), poco più di 2 Km, da dove si possono scorgere bellissimi panorami della Valdelsa. Lungo il percorso si incontrano i torrioni medicei (XV – XVI sec), le principali porte di accesso alla città (porta San Giovanni, porta San Matteo, porta Quercecchio, porta San Jacopo e porta delle Fonti). Imperdibile.

7. Chiesa di Sant’Agostino
Un piccolo gioiello artistico che al suo interno racchiude opere quali: monumento marmoreo di Benedetto da Maiano dove sono custoditi i resti mortali del beato Bartolo; gli affreschi della parete della cappella del beato eseguiti da Sebastiano Mainardi ed il pavimento in terracotta ad opera di Andrea della Robbia. Sull’altare maggiore invece, la tavola della Vergine dipinta da Piero del Pollaiolo. Mentre un ciclo di affreschi della vita di Sant’Agostino nella cappella Maggiore di Benozzo Gozzoli

8. La Rocca di Montestaffoli
La Rocca fu realizzata dai fiorentini nel 1353 per respingere gli attacchi provenienti da Siena. La Rocca era una sorta di fortezza che ospitava le truppe. La pianta era pentagonale con torrette agli angoli e collegamenti che la univano. Purtroppo oggi resta agibile solo un’unica torretta che è visitabile e da dove si gode un panorama bellissimo delle torri della città e della Valdelsa.

9. Fuori San Gimignano – Monteriggioni
A circa 35 minuti di auto si trova un altro gioiello medioevale: il borgo di Monteriggioni. Ancora ben conservato racchiuso dentro le sue mura difensive merita una visita per tornare indietro nel tempo. Suggestivo il percorso lungo le mura.


10. Fuori San Gimignano - Volterra
Bellissima Volterra borgo medioevale ma di origine etrusche che ben conserva i suoi resti di un antico e glorioso passato. Avete l’imbarazzo della scelta su cosa visitare. Dai luoghi medioevali come la piazza dei Priori ed il palazzo Comunale ed il Duomo, alla visita delle mura etrusche e l’acropoli oppure l’anfiteatro Romano e gli scavi oppure una visita ai vari laboratori artigiani di alabastro………che dire, forse dopo San Gimignano potete pensare di stare qualche giorno anche qua!

Buon viaggio!